Primavera: come preparare i nostri capelli

L’arrivo della Primavera è ormai imminente. Per evitare di ritrovarci tra qualche settimana con una chioma spenta e sfibrata è il momento di cominciare a pensare alla nostra routine primaverile di bellezza.

Credits: Unsplash

La Primavera, come l’Autunno, mette a dura prova la salute dei nostri capelli e diventa molto probabile in questi periodi trovare più capelli del solito nella spazzola o sul lavandino. Niente paura però, è tutto normale! Durante il cambio di stagione possiamo infatti arrivare a perdere anche 400 capelli al giorno senza che questo comprometta il benessere o la bellezza della nostra chioma.

Credits: Pexels

La buona notizia è che così come la perdita, anche la ricrescita dei nostri capelli avviene in maniera naturale terminato il cambio di stagione. Nonostante questo, il nostro consiglio è comunque di intervenire durante questi periodi con attenzioni supplementari per i nostri capelli per prevenirne e contrastarne la caduta.

Per farlo possiamo avvalerci di due alleati speciali: la nostra alimentazione e i trattamenti specifici.

Alimentazione 

Tra i tanti fattori che influenzano la salute e la bellezza dei nostri capelli sicuramente l’alimentazione riveste un ruolo importantissimo. Una dieta ricca di vitamine e minerali è fondamentale per nutrire ed irrobustire il bulbo capillare. In particolare, nel caso di perdita di capelli dobbiamo prediligere tutti i cibi ricchi di ferro come legumi, carne rossa, spinaci, tacchino e calamari.

Trattamenti specifici 

I trattamenti da effettuare in salone sono alleati molto preziosi nella cura della nostra chioma.  Grazie ai loro principi attivi permettono infatti di contrastare molto efficacemente la caduta dei capelli e favorirne la crescita. Framesi Mophosis Densifiyng e Morphosis Reinforcing sono trattamenti dall’azione densificante e rinforzante proposti da Framesi e che, se abbinati ai prodotti per il mantenimento a casa, garantiscono ottimi risultati in termini di riduzione della caduta e di infoltimento della chioma.

Bob Primavera 2019

Il bob per la Primavera Estate 2019

Tra i tagli più amati dalle donne e dalle star di tutto il mondo, il bob continua a non conoscere battute di arresto e si conferma protagonista anche della primavera estate 2019.

Ispirandosi ai trend dei primi anni ’80, il bob del 2019 diventa più morbido e pieno nella parte superiore della testa, grazie a scalature interne che gli donano una forma più dolce da sfoggiare sia liscia che mossa.

Per ottenere un look raffinato e glamour optate per la sua versione liscia, a patto che lo styling sia perfettamente definito e pulito, proprio come un’opera di design. Per un effetto più easy e trendy scegliete invece il bob mosso portato con onde morbide che si sviluppano in lunghezza e che donano a qualsiasi tipologia di viso.

A livello cromatico i bob di questa primavera estate sono sfumati e assolutamente non uniformi: un effetto che possiamo ottenere grazie alle meches tricotage, che stanno tornano ad essere utilizzate dagli hairstylist di tutto il mondo.

bob assimetrico

Credits: Framesi

Bob e tipologie di capelli 

Se quello a cui puntiamo è un bob rigoroso e di design è fondamentale che i nostri capelli siano lisci e che possano quindi mantenere il giusto styling. Il bob con onde morbide, invece, può essere realizzato anche su chiome più mosse. Purtroppo, qualsiasi versione di questo taglio è sconsigliata alle donne ricce.

bob mosso 2019

Credits: Framesi

Il bob e le tipologie di viso 

Il bob è un taglio che si adatta alla maggior parte di forme del viso. Le uniche che devono adottare qualche accorgimento in più nella scelta di questo hair look sono le donne dal viso tondo e quadrato, in questo caso infatti è fondamentale optare per un bob che le aiuti a verticalizzare il loro volto.

bob scalato 2019

Credits: Framesi

Bob ad ogni età

Il bob è un hair look molto versatile, che può essere sfoggiato senza ombra di dubbio da donne di qualsiasi età.  Se portato corto, alla lunghezza angolo mandibolare assume sicuramente un carattere molto più giovane, mentre se vogliamo un look più classico e più adatto a una signora basterà allungarlo leggermente, arrotondando le punte verso l’interno e portarlo con un ciuffo sulla fronte. Diciamo che la scelta del tipo di bob dipende più dall’età che la donna sceglie di avere piuttosto che da quella anagrafica!

bob primavera estate 2019
Credits: Framesi

Consigli per tutte! 

Il bob è un taglio bellissimo, ma richiede particolari attenzione e cure: i capelli devono essere sempre perfettamente lucenti e ordinati. Quindi sceglietelo solo se siete certe di potergli dedicare un po’ del vostro tempo ogni giorno!

 

 

 

 

 

 

8 Marzo: origini e significato della festa della Donna

Come ogni anno l’8 Marzo si festeggia la giornata internazionale della Donna. Una ricorrenza nata con l’obiettivo di ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche delle, ma anche le numerose  discriminazioni e violenze di cui le donne sono state e sono tuttora vittima in molte parti del Mondo.

Le origini della Festa 

L’idea di istituire una giornata internazionale della donna nacque ufficialmente nel 1909 negli Stati Uniti ad opera del Partito Socialista americano che il 28 Febbraio organizzò un’importante manifestazione in favore del diritto delle donne al voto. L’anno seguente, nel 1910, la proposta venne raccolta da Clara Zetkin a Copenaghen, durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste.

Da quel momento i singoli Paesi cominciarono a celebrare questa ricorrenza, ma ognuno in giornate diverse. E’ nel 1921, in occasione della Seconda conferenza delle donne comuniste a Mosca, che viene proposta e approvata l’8 Marzo come data unica per le celebrazioni, in ricordo della manifestazione delle donne di San Pietroburgo che scesero in piazza contro lo zarismo.

Credits: Unsplash

In Italia

La giornata della Donna in Italia è stata festeggiata per la prima volta il 12 Marzo 1922. Fu però  nel 1945, quando l’Unione Donne celebrò la questa ricorrenza nelle zone d’Italia già libere dal fascismo, che assunse maggiore valore.

La mimosa 

La scelta della mimosa come simbolo di questa giornata risale al 1946. Le organizzatrici delle celebrazioni a Roma cercavano infatti un fiore che fosse di stagione e costasse poco: la mimosa, appunto. Il giallo, inoltre,  oltre ad esprimere vitalità, forza e gioia è il colore che rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e diventa una metafora per ricordare le donne che si sono battute per l’uguaglianza sessuale.

Credits: Pixabay