gianni loda framesi

Framesi International Congress 2018: intervista a Gianni Loda

Si è appena concluso il Framesi International Congress 2018: a Valencia è andato in scena tutto il meglio delle novità Moda Capelli per l’Autunno/Inverno 2018-19. Gianni Loda, direttore artistico dei gruppi istituzionali Framesi, ci racconta segreti e retroscena di questo magnifico evento.

gianni loda framesi

Credits: Framesi

Gianni, quali sono state le principali novità presentate a Valencia?

A Valencia abbiamo presentato novità fortissime sia in ambito taglio che in ambito colore. Le dimensioni e le proporzioni cambiano: le teste diventano soffici e assumono un aspetto tipicamente invernale. Così come la moda abiti riflette la stagione in corso, i capelli fanno lo stesso. Il nostro obiettivo è stato offrire ad ogni donna l’opportunità di distinguersi e diventare unica, pur rispettando i dettami contemporanei della moda.

              

Credits: Framesi

Quali sono i tratti distintivi delle icone delle nuove Collezioni A/I?

Il tratto distintivo è sicuramente il colore.  Nell’icona di Wild Kingdom, la nuova collezione Italian Style Framesi, predomina il giallo “becco d’oca”: una nuance estremamente intensa e presente in quasi tutte le Collezioni Autunno/Inverno. Un colore che, abbinato alle stampe animalier protagoniste delle ultime tendenze, rende la donna totalmente unica consentendole di emergere ma con raffinatezza.
Dall’altro lato, Italian Style Energy sceglie per Eccentric Campus tutte le declinazioni del rosso. Da un rosa “pescato”,  passando per un albicocca pieno,  fino ad un rosso rubino profondo. Lo scopo che ci siamo prefissati, anche in questo caso, è stato valorizzare una donna che vuole essere inderogabilmente notata.

Credits: Framesi

Credits: Framesi

Come riuscite a rendere unica e inconfondibile ogni collezione?

Alla base di ogni Collezione c’è senza dubbio un grandissimo lavoro di ricerca. Una volta percepite dal mondo della Moda le tendenze di stagione, cerchiamo di traslarle insieme ai gruppi stilistici sulle singole teste. Ci ritroviamo sempre all’interno del mio salone per cooperare ed arrivare alla scelta definitiva che sia in grado di rivestire il mood di collezione nella maniera ottimale, da qui verranno poi realizzati i tagli e i colori di tendenza. E’ un’analisi continua in cui noi stilisti crediamo moltissimo.

Quali sono le novità in termini di tecniche su taglio e colore?

I tagli hanno forme precise e pulite mentre gli styling sono soffici, morbidi, naturali. Per quanto riguarda l’ambito del colore, nella collezione Wild Kingdom abbiamo lavorato utilizzando nuance del maculato: avorio, cioccolato profondo, ramati sulle punte, biondi in tutte le loro declinazioni. Anche il giallo “becco d’oca”, che ho già menzionato, è innovazione allo stato puro. Sono consapevole che non sia un colore così facile da portare, ma tra tutte le colorazioni presenti è sicuramente quella più rivoluzionaria. 

Credits: Framesi

Che ruolo riveste lo stile italiano di hair style sul panorama stilistico internazionale?

Devo ammettere con estremo piacere che lo stile italiano viene considerato un vero faro illuminante nel panorama mondiale e i nostri Framesi International Congress ne sono la dimostrazione. Più viaggio e più mi rendo conto di quanto il nostro stile sia ispirazione per la Moda di tutto il mondo. Sempre più spesso al termine degli show una folla di persone viene a pormi delle domande sulle nuove variazioni cromatiche o sulle nuove tecniche di taglio: è una soddisfazione immensa percepire che i principi in cui credi stanno appassionando il pubblico sempre di più.

Quali sono i tuoi commenti sull’evento?

L’evento è andato benissimo, è stata una soddisfazione immensa. Al termine dello show la sala mi ha omaggiato di una standing ovation che mi ha riempito di gioia, ricompensando la fatica, la dedizione e l’impegno che questo evento ha richiesto. I tantissimi commenti ottenuti sui social mi fanno capire che siamo sulla strada giusta e mi impongono di continuare a lavorare in questa direzione. Il Framesi International Congress 2018 è stato forse uno dei migliori a cui abbia mai partecipato: una location esclusiva e un’organizzazione aziendale ineccepibile hanno permesso di esprimerci al meglio delle nostre condizioni. Ci stiamo perfezionando ogni anno di più e stiamo rendendo questi congressi momenti indimenticabili nel vero senso della parola. Vorrei fare un ringraziamento speciale a tutti i partecipanti e, soprattutto, a tutti quelli che hanno reso possibile questo evento.

              

Credits: Framesi

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *